ARTISTI / Francesco Vezzoli / TAKE my TEARS

Francesco Vezzoli
TAKE my TEARS

2018, 50 x 70 cm, serigrafia con applicazioni di glitter color oro giallo su carta Hahnemuhle 320 gsm.

Edizione di 50 esemplari + 10 prove d'artista.
Ciascun esemplare è firmato, timbrato a secco e numerato.
L'edizione è stampata da Arte 3 di Alberto Serighelli, Milano.

Quest’opera fa parte del progetto Alfabeto Treccani.

RICHIEDI INFORMAZIONI


Il genere dell'autoritratto e il dettaglio della lacrima sono elementi ricorrenti nell'opera di Vezzoli. Il tema del doppio, dell’alter ego e del mascheramento vengono affrontati dall'artista attraverso l'utilizzo della propria immagine e la sua 'messa in scena', in un gioco continuo di emulazione e critica del narcisismo che pervade il sistema dell’arte. Anche le lacrime che solcano il viso delle icone del passato sono presenti nelle opere di Vezzoli sin dagli esordi, da quelle ricamate in lurex che bagnano le gote di Audrey Hepburn e Maria Callas, a quelle rosse come il sangue di Anna Magnani. Il tropo delle lacrime è anche al centro della sua retrospettiva intitolata The Museum of Crying Women, ideata con Rem Koolhas e Hans Ulrich Obrist per la QM Gallery di Doha, in Qatar (2013). “Universali sono le lacrime, è il dolore, che è il tema alla radice di tutto ciò che faccio”, afferma Vezzoli.

Illustratore: Paolo Orlandi